Accessibilità



questo sito e' conforme alla legge 4/2004

Calabria - ANASA.it

Fotogallery

   foto

RSS di - ANSA.it

le nostre tradizioni

 

 

 

 

I PASSATEMPI DEL TEMPO CHE FU

 COME SI DIVERTIVA LA GENTE

Gli indovinelli servivano non solo per divertire, adulti e bambini, uomini e donne, nelle lunghe serate davanti al caminetto ma, anche ,durante le ore di duro lavoro nei campi. Le metafore "piccanti" che essi presentano non sono solo creazioni simpatiche e piacevoli ma una dimostrazione della saggezza popolare.

 

Sàcciu 'na cosa fatta a Rosa,

rosa non è: ngagghia ch’ è? (papavero) –

 

Haju 'na tafareghja di cerasi,

la sira 'è curma  e  la matina 'è rasa.

Ho un cesto di ciliege, la sera è pieno la mattina è vuoto (stelle) '

 

Mbumbuleja mia di crita  ca pittia perdivi la vita

pittia su scazu e nudu

non mi 'ndi vaju di cà si non ti sculu

Anforetta mia di creta , per te ho perso la vita,

per te sono scalzo e nudo non vado via se non ti scolo(vino nel “gozzu”)

 

 si leva dormìgghiu e si mangia a pendìgghiu     

 

 

 

Nighiru penda,nighiru stenda

 

   masru russeju ci abbatta lu culu

Nero penzola,nero stende                          

mastro rossore batte sul fondo (pentola –fiamma del caminetto)

 

 

mammata ti crijau pi maravigghia 

e si mi 'ngagghi chista 'ndovinagghia 

ti rigalu stu cavaghju cu sta brigghja

    O rossorino mio sopra allo scoglio tua mamma ti ha creato per sbalordire   e se mi indovini questo indovinello ti regalo questo cavallo con la briglia (sole)

 

passa lu mari senza navi 

e si presenta alla tavula di l'arre

C'è un animaletto che cammina senza strada, attraversa il mare senza nave   e si presenta alla tavola del re (mosca)

 

 

Ata cumu nu casteghjuu, fa na pedata cumu n'anieghju.

Alta come un castello, lascia l'impronta come un anello.canna)

 

Gira girandu,vota votandu, facia nu giru e poi si riposa.

Gira girando , ruota  ruotando, fa un giro e poi si ferma(chiave)

 

S       Su signora d'atu palazzu,
janca su' e nigra mi fazzu,
caghju 'n terra e no' m'ammazzu,
vaju 'ntra la chiesi e luci fazzu.

Sono signora di un palazzo alto, bianca sono  e nera mi faccio,cado a terra e non mi ammazzo,vado in chiesa e luce faccio (oliva)

Aghju na murra di pecuri muzzi, quandu piscianu  piscianu tutti.

Ho un gregge di caprettini , quando fa la pipì uno e la fanno tutti.(tegola)

 

S  Sutta a nu  ponti di bell'acqua
'nc'è 'na donna crimentina,
'nci lùcianu l'occhi comu 'na gatta:
fìgghiu di arre cu' l'indovina.    

Sotto un punto di acqua bella c'è una donna   le brillano gli occhi come una gatta :figlio di re chi indovina (anguilla)

Fimmine schiette e maritate, tutti quanti lu provaru ma quandu si lu misaru...'cchì duluri chi 'ntìsaru    (Orecchino) 

 

'Non ava   vucca e parra, 'non ava  pedi  e camina.

Non ha bocca e parla, non ha piedi e cammina.    (lettera)  

 

 Di  na finestreja nescia na vecchiareja, 

 

mina nu dente e chiama tutta a gente.

Da una finestra esca una vecchiarda, agita un dente e chiama a raccolta tutta la gente (campana)

'LA figghia di piripindoscia 'non tena nè carni, nè peja, nè ossa. Ma la mamma di piripindoscia tena  carni, peja e ossa    (Ricotta - Capra) 

 

 

 

 

 

 

Esta nu nimaleju chi camina senza srata

Pendìgghiu pendìa, dormìgghiu dormìa

cadi pendìgghiu e risbìgghia a dormìgghiu,

FILASTROCCHE E SCIOGLILINGUE

 A Cummari ‘ndaviti  ova?

‘ndaju tri.
E cangiamu cu lu tarì?
Lu tarì mi pari pocu.
E cangiamu cu lu focu?
E lu focu mi par’vruscenti,
e cangiamu cu lu serpenti?
Lu serpenti ‘ava l’ali,
e cangiamu cu lu canali?
lu canali curra l’acqua,
e cangiamu cu la vacca?
 e La vacca ‘ava li corna.
E cangiamu cu la donna?
E la donna jiu a la missa:
cicculateri e pettinissa
 
 

Na vota ‘nc’era cu ‘nc’era,

focularu e ciminera,
la ciminera catta,
e ruppiu tutti li piatti,
e li piatti e lli piatteja,
focularu e ciminera.
 

Supra a nu palazzu 'ci sta nu cani pazzu

té pazzu cani stu pezzu di pani
pigghia lu pani posa lu mazzu
testa testa di cani pazzu
 
 
Arredi la chiesi di Santa Maria
 tirittuppiti cuttuni cogghia
 Jiendu e venendu cuttuni cogghiendu
ia e venia cuttuni cogghia
 
 Ntra na pignateja nova, novi pipi capinu...    Ntra na pignateja nova, novi pipi capinu...    
                       
Chiova, chiova, lu tempu e la gatta jiu pi ligna e lu suruci frija l’ova quando arriva non di trova
 
Lu zziu Peppi sutta a lu  lettu
Chi sonava l’organettu;
l’organettu non sonava,
Lu zziu Peppi s’arraggiava.
 
Chiova, chiova, lu tempu e la gatta jiu pi ligna
e lu sùrici si marita
cu la còppula di sita.
 
 
Pecuraregliu cu setti ricotti
dammi a sòruta pi stanotti
ca domani a menzijornu
ti la basu e ti la tornu.
 
 'Na vota 'avìa 'nu vecchju
chi cusìa 'nu saccu vecchju,
ogni tantu minàva nu puntu
statti ccittu ca mo ti cuntu.
 
   Cuntu cuntozzu
cuntu  quantu pozzu,
mo non pozzu cchjù
cuntatilu tu.
 

 

Comune di Simbario

P. IVA 00339420796

Tel 096374204 - FAX 0963775683

HTML 4.01 Strict Valid CSS
Pagina caricata in : 0.134 secondi
Powered by Asmenet Calabria